Blog

Come far raffreddare e conservare il pane

Come far raffreddare e conservare il pane

Generalmente il pane non andrebbe mai assaggiato da caldo, anche se a volte la tentazione è troppo forte. Provate a resistere alla tentazione e fate raffreddare completamente il pane prima di assaggiarlo, perché solo così acquisterà il massimo del sapore. Inoltre un pane ancora molto caldo quando tagliato a fette presenterà una mollica ancora umida che tenderà a compattarsi in grumi appiccicosi lungo il taglio.

Per far raffreddare il vostro pane abbiate cura di toglierlo dalla teglia per metterlo su una gratella. Questo permetterà a tutto il calore di uscire per bene dalla pagnotta e non presentare parti un po' umide o gommose sia nella crosta che nella mollica. Lasciare il pane all’aria corrente in un ambiente secco infatti accelera l’evaporazione dell’umidità dalla crosta, lasciandola croccante.

Ma non sempre questo trucco funziona. Purtroppo l’umidità degli ambienti spesso non aiuta molto a mantenere la crosta croccante.
Alcuni consigliano di tagliare a metà il pane appena sformato in modo che l’umidità presente all’interno possa uscire completamente. Se volete un buon trucco per mantenere la crosta bella croccante sappiate che dovete posizionare il pane in verticale, addossato alla parete del forno spento che va lasciato con lo sportello aperto.

Per al meglio il pane è consigliabile tenerlo nella busta di carta originale, meglio ancora se avvolto in un sacchetto di plastica. Tenetelo in un posto fresco, ben arieggiato e lontano da fonti di calore o di luce diretta.

Se avete esigenza di conservare il pane per un periodo lungo la tecnica migliore è quella di congelare il pane cotto già tagliato a fette. Un trucchetto comodissimo per avere sempre delle fette di pane a disposizione. Sarà sufficiente scongelarle nel forno a 120°C per una decina di minuti, o se piace ben croccante tostare le fette in un tostapane (meglio se con la modalità "scongela").

Scrivi un commento